Notizia pubblicata il 02/12/2019, letta 402 volte

IL SELFIE DEL DUO BIVIGLIA-NOFRI DAL CURI


L'ormai ex centrocampista della Nestor ha seguito dal vivo Perugia-Pescara dopo la vittoria nel Super Gol. "Senza di me, Nofri non avrebbe mai provato quest'emozione. C'era anche Fastellini che ci ha chiesto spiegazioni. La serie B รจ troppo per lui..."

Domenica 1 dicembre 2019
di Nicola Agostini

Una serata al Curi quasi da cartolina. Nico Biviglia ha salutato la Nestor non prima però di regalarsi una domenica sugli spalti, in occasione di Perugia-Pescara, con Alessio Nofri, grazie al gol vittoria segnato direttamente da calcio d'angolo contro il Gualdo Casacastalda.
"Che volete farci - sorride Biviglia - se non avessi vinto il Super Gol, Alessio non avrebbe mai provato quest'emozione. Già che non si allenerà più con me, almeno volevo dargli questa gioia".
"Lo ringrazio - replica Nofri - perché sinceramente io non credo che vincerò mai il Super Gol. Sono contento poi soprattutto perché abbiamo potuto fare lezione pratica ad Alessio Fastellini. Lui si era imbucato grazie ad un accredito di Matteo Brunori ma a fine primo tempo si è avvincato a me e Nico per chiederci spiegazioni. Il calcio di serie B è troppo per lui, non riesce a capirlo.
Una riflessione seria? Il Perugia è squadra compatta, forte, e mancava Di Chiara che è l'esterno più forte della B. Certo, quando davanti hai Iemmello è tutto più semplice. Però hanno offerto una prova da grande squadra. Ma la domanda che ci siamo fatti noi è: "Come fa nel Pescara a non giocare Matteo Brunori?".

Nella foto, da sinistra, Alessio Nofri, Nico Biviglia e Alessio Fastellini